Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

27 gennaio 2014

Le stelle e la cometa









«Nessuno guarda più in alto, nessuno si occupa più di noi», diceva una stella.

«Una volta facevamo sognare gli innamorati e i poeti...», disse un'altra.

«E gli uomini erano nostri amici» , aggiungeva malinconica un'altra.

«Guardavano le stelle per orientarsi nei loro viaggi sulla terra e per mare».

«Tutta colpa delle luci artificiali », disse una stella cadente. 



Una cometa che passava di là tese l'orecchio e scosse la bella chioma luminosa che lasciò cadere schegge di luce.

Rallentò la corsa: la conversazione sembrava interessante.

«Secondo me», disse con l'aria di chi è bene informata, «il problema non è soltanto delle luci artificiali».

«Ce n'è un altro e più grave».




Fece una pausa per dare importanza a ciò che diceva e suscitare maggiore curiosità.

Infatti, tutte le stelle esclamarono subito a una voce: «Quale problema?».

E l'eco siderale moltiplicò l'esclamazione da un capo all'altro della galassia: «Quale problema... blema... blema... ema... ema...». 



«Io viaggio molto», riprese la cometa, «Così, andando in giro per l'universo e con una coda così lunga, non è difficile sfiorare pianeti e altri corpi celesti».

«Qualche volta mi avvicino anche alla terra e la posso osservare da vicino».

Di nuovo la cometa fece una pausa per rendersi interessante, come fanno certi politici e tutti quelli che vogliono far colpo sull'uditorio. 




«Ebbene, cos'hai visto di particolare?» domandò una stella nana alquanto seccata.

«Sì, cos'hai visto?», dissero tutte in coro.

E l'eco ripeteva: «Cos'hai visto?... visto... isto...isto...»



«Ho visto una coltre fumogena che avvolge la terra».

«È lo smog».

«E questo, con le luci artificiali, impedisce agli uomini di guardare in alto».

Ci fu un silenzio generale.

Tutte le stelle erano perplesse: non conoscevano lo smog «Che cos'è lo smog?»

«E... viene da una galassia lontana?», chiese una super-nova.




«No, rispose la cometa».

«È un prodotto delle industrie degli uomini e dei loro viaggi terrestri e aerei».

«La terra sta diventando una enorme ciminiera».

«E gli uomini sanno benissimo che lo smog è dannoso alla loro salute e a quella dei loro figli, ma non fanno nulla per eliminarlo».




«Questione di soldi».

«Quelli laggiù», continuò la cometa, «non fanno che affannarsi a guadagnare soldi e a spenderli come forsennati».

«Ma non sono contenti, perché hanno dimenticato una cosa importante».




«Quale?», chiesero le stelle.

E l'eco ripeté ancora: «Quale?.. ale...ale....»



«Il segreto di essere felici con poco», rispose la cometa.

«E non fanno che arricchire, spesso a scapito di altri meno fortunati che, a causa della loro avidità, diventano sempre più poveri».

E sospirò scuotendo ancora la bella chioma luminosa che lasciò cadere altri frammenti di luce.



Ci fu un grande silenzio tra le stelle.

Poi, una di esse, concluse: «Secondo me, Iddio ha creato le stelle per rendere più belle le notti degli uomini». 




«Ma essi lo hanno dimenticato perché non guardano più il cielo».






(dal web)







9 commenti:

  1. Quanta verità in quello che hai scritto in questo post che è in linea con il nuovo nome di questo blog.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  2. Bellissima Paola :) e vera......chi si ricorda di alzare gli occhi al cielo? Non abbiamo tempo...siamo costretti a guardare per terra per non inciampare e non pestar schifezze...:) :) :) scherzo, io invece guardo sempre il cielo e quando è sereno e vedo le stelle mi sento un gabbiano. Bacio Rita

    RispondiElimina
  3. a volte è anche il poco tempo,ci si rende conto che non si ha tempo per guardare le stelle.
    lu

    RispondiElimina
  4. Cara Paola condivido il pensiero del nostro amico comune Aldo. Bisogna cercare di guardare in alto, nonostante tutto.
    Un abbraccio.
    ps. scusa se passo poco dagli amici, ma una serie di impegni ed imprevisti mi lasciano poco tempo e la sera sono stanca, poi ti dirò.A presto, spero.

    RispondiElimina
  5. Spaziale!!! Ciao Paola, è la prima volta che ho la fortuna di visitare il tuo magico sito e mi ha catturata!
    Mio padre era un sognatore usando il sestante e il cielo di stelle, con la sua barca a vela ha girato il mondo.
    Anche se mi mancava molto, quando arrivava a terra faceva in modo di riparare la sua mancanza con storie fantastiche.
    Io però sognatrice lo sono però mi manca il senso dell'orientamento, mi perdo sempre.








    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pippicalzelunghe piacere di conoscerti... grazie della visita e spero che tornerai a far capolino qui e se ti aggrada puoi anche aggiungerti ai miei follower... cosa che contraccambierò non appena inizierai a postare nel tuo blog :-)

      Elimina
  6. E' vero ...lo guardiamo molto poco, solo per constatare i disastri della pioggia o la luce troppo cocente del sole.
    Non per osservarne le meraviglie che ci regala, non per pensare cosa ci rserverà al di là tutta quanta la buia coltre stellata, ricca di mille brillanti luci e ammantata dalla luna...
    Troppo indaffarati in questa nostra povera terra, che ci spinge sempre più in basso!
    Un bacio stellato amica mia!

    RispondiElimina
  7. Ciao cara!!!!
    Com' è stellato questo tuo post!!!
    Comunque è vero, che non guardiamo più sù in cielo, per fantasticare un pò....
    (Ma mi danno anche un pò fastidio le pause...o per darsi un atteggiamento,o per farsi interessanti. Ed anche chi si arricchisce a descapito dei meno fortunati.)
    Scusami la parentesi.
    Comunque un abbraccio forte forte ed una carezza a Te & Co. Baciotti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Anna faccio parlare anche le stelle.... hehehehehehe
      Sai scrutare il cielo è la miccia per accendere i nostri sogni... ///^_°\\\
      Un bacione grosso a te e Co... ciauzzzzz!!!

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata e verranno approvati dall'autrice del blog.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012