Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

22 ottobre 2009

Animali sacri "I gatti"









Nell’antico Egitto non tutti gli animali erano considerati sacri e, tra questi, solo determinate specie di coccodrillo, di serpente o di falco.

In epoca tarda, probabilmente a causa del progressivo ed inarrestabile sfacelo del regno egizio, la religione sfociò sempre più nella superstizione che portò a riti e a credenze molto particolari.

Ad esempio i gatti





Quelli domestici erano adorati e raffigurati in dipinti, sculture e incisioni.

Gli Antichi Egizi tenevano in grande considerazione questo animale, tanto che lo scelsero per rappresentare Bastet e Sekhmet, sorella di Bastet ed anch'essa raffigurata con parti di gatto.





Il gatto condivideva con Bastet la fertilità e la chiaroveggenza...




mentre con Sekhmet la preveggenza, infatti rappresentava la giustizia e la potenza e veniva interrogata dai sacerdoti per conoscere i piani del nemico e quindi aiutare i soldati in battaglia.




Gli Egiziani avevano un modo di dire:

“non si accarezza la gatta Bastet prima di aver affrontato la leonessa Sekhmet”.

Bast era infatti comunemente accoppiata a Sekhmet, la dea dalla testa di leone di Memphis, Wadjet ed Hathor.





Questo modo di dire affonda le sue radici nella leggenda di Ra che, infuriato, provocò una siccità…evento terribile per gli egiziani che vivevano delle piene del Nilo.

Quando si fu calmato, Ra mandò Thot a cercare Bast in Nubia, dove la dea si nascondeva sotto forma di leonessa (Sekhmet).





Discendendo il Nilo, Bast si era bagnata nel fiume in una città sacra a Iside, trasformandosi di nuovo in gatta ed era entrata trionfante a Per Bastet (città dei gatti), dove fu poi trovata da Thot.




I gatti erano considerati animali sacri al punto che, se accidentalmente ne veniva ucciso uno, lo sfortunato responsabile doveva essere punito con la morte.

In caso di incendio o qualsiasi emergenza che richiedeva l'evacuazione di un'abitazione, il gatto doveva essere salvato prima di ogni altro membro della famiglia e degli oggetti che si trovavano nella casa.





Quando un gatto moriva, per le persone a esso legate cominciava un lungo periodo di lutto, caratterizzato dalla rasatura delle sopracciglia e dalla percussione di gong funebri per esprimere il dolore.

Gli Egizi credevano che anche per il gatto esistesse l'aldilà e perciò anch'essi venivano mummificati e, quindi, sepolti, con tanto di funerale.





In una tomba del 1700 a.C. circa, furono trovati diciassette scheletri di gatto, ognuno dei quali era stato provvisto di una ciotola per il latte che ne assicurava la sopravvivenza nell'aldilà, insieme a topi e piccoli animali mummificati.




Nell'antica città di Beni Assan in un solo cimitero furono rinvenute più di trecentomila piccole mummie.










23 commenti:

  1. Buon giorno con sorriso... molto piaciuta questa tua ricerca... bella davvero, anzi interessante. grazie, ti auguro una luminosa bella giornata, baci
    Lisa

    RispondiElimina
  2. Ciao Paola sapevo che gli egizi adorassero i gatti ma non conoscevo tutto nei minimi particolari. Un grande popolo davvero con grandi usanze da prendere come
    Esempio soprattutto coloro che maltrattano gli animali.
    Grazie baci.

    RispondiElimina
  3. mi sento un po' in egitto....
    meno male che è giovedì e manca poco al weekend... a volte sembra che il tempo voli, mentre in altre non scorre mai....
    oggi piove anche da me....
    buona giornata
    ^___________^

    RispondiElimina
  4. Il tuo post è la prova provata per me in quanto, amando i gatti, devo avere lontanissimi avi egiziani.
    Ero a conoscenza di questo amore degli egizi per i gatti ma la tua dettagliata descrizione mi ha aiutato molto nella conoscenza.

    RispondiElimina
  5. Alcune credenze egizie le conoscevo, le altre francamente no...
    Grazie delle tue scoperte.

    RispondiElimina
  6. Conosco bene questo argomento...
    Cominciai a documentarmi, in merito al fatto che quando esprimo le mie lodi e le mie venerazioni verso i gatti, tutti mi definivano e mi definiscono egiziana...
    Chissà...magari qualche parentela...dato che l'Egitto sta proprio ad un palmo da me...
    Questo post,cara amica è
    STU-PEN-DO!!!!

    Grazie!

    RispondiElimina
  7. Buongiorni cara Paola..
    sono stata in Egitto che è stupendo ma tante cose non le sapevo,grazie!
    un bacio,ciao...anzi..miao!

    RispondiElimina
  8. Ecco perchè in Sicilia mi chiamano la gatta hihihiihihih!
    Pazza amica mia ti devo raccontare una cosa su massimo ...maròòòò mi sa che sta volta ....

    RispondiElimina
  9. Bellissimo post !
    Non sapevo che in segno di lutto gli egizi si radessero le sopracciglia .Che grande cultura quella degli Egiziani, ha un fascino particolarissimo!

    Buona giornata, un baciotto,ciao Paola :)

    RispondiElimina
  10. Ciao ciao Paola,
    L'ho sempre pensato che gli egiziani,siano misteriosi,
    e certe credenze,cioè i gatti,
    ci tenevono molto,
    ma non a questo punto.
    EHHHH!!!!Paola,
    è vero che il blog ci unisce,
    e impari sempre...
    Bella novità...e cultura...
    Buona giornata...una carezza
    ed un bacio a Te e CO.
    Anna

    RispondiElimina
  11. se leggo questa pagina a Lolita e Fjodor finisce che si montano la testa!!

    RispondiElimina
  12. ehehehe i gatti, sono la mia passione, non conoscevo alcune delle leggende che hai descritto...sempre ello leggere i tuoi post.
    un caro saluto, roberta

    RispondiElimina
  13. I mei complimenti per il bellissimo post.

    Io adoro i gatti :) Infatti tempo fa ho scritto un post su Bastet (http://colorarelavita.blogspot.com/2008/08/bastet-la-dea-gatto-egizia.html)

    Devo ammettere però di aver imparato un sacco di cose nuove col tuo articolo. Trovo tenerissimo il fatto che mettessero insieme alle micio-mummie la ciotolina del latte!

    RispondiElimina
  14. Ciao carissima Paola,
    sapevo dei gatti poichè la cultura egiziana mi ha sempre affascinata ma è sempre piacevole venire qui da te e leggerti. Non sapevo molto però della sorella di Bastet! C'è sempre qualcosa da imparare!
    Qui dal tardo pomeriggio non piove più, e le temperature si sono un pochino alzate.
    Buona serata :)

    RispondiElimina
  15. X Anna

    Beh... sicuramente unisce... poi per apprendere dipende da quello che si pubblica... e da ciò che interessa... hehehehehe
    Ciao Anna grazie di essere passata... dolce serata... un abbraccio forte e un bacione a te e Co

    RispondiElimina
  16. i gatti... io ne ho due, sono dei peluches animati. Fanno parte della famiglia!

    RispondiElimina
  17. Grazie per queste belle informazioni dolce Paola! Amo l'Egitto ma non conoscevo tutte queste particolarità specialmente sulla mummificazione del gatto! Grazie ancora per averci trasportato in questo mondo meraviglioso! Buona serata! Baci!!

    RispondiElimina
  18. grazie Paola , degli auguri per la mia mamma, oggi 96 anni ed è una donna meravigliosa piena di entusiasmo.

    RispondiElimina
  19. Ciao Paola, ti auguro un buon fine settimana...Un post molto interessante, io adoro la cultura egizia, mi documenterei per ore, per me è sogno. Penso fossero mlto avanti, sia per le larghe vedute ed il modo di rendersi immortali che mi affascina, sia per certe loro passioni nei confronti di animali...penso che da loro ancora adesso ci sia molto da imparare..
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ciao Paola! Bellissimo post.
    Mi ha sempre affascinato la civiltà egiziana! Ed ora ne so qualcosa in più!
    Ti auguro un buon fine settimana.
    Bacio

    RispondiElimina
  21. Immagini splendide!!!!! Post carinissimo!!! ... mi fai concorrenza con i gatti?!!?? Sei Bravissimaaaaaaaaaaaa!!! Ciao^^ anzi, no, miaooooooo^^^

    RispondiElimina
  22. più che sacri, veri idoli !

    RispondiElimina
  23. Ciao Paola, spero che la pioggia si sia data una calmata dalle tue parti. Qui c'è un vento freddo e fortissimo!
    Non so da dove sia venuto, ma ho un bel mal di schiena e meno male che ho da poco fatto una cura.
    Bah!
    Un abbraccio e buon fine settimana :)

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata e verranno approvati dall'autrice del blog.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012