Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

30 gennaio 2012

Bucaneve









A prima vista è un gioiellino fragile e delicato.

Ma, a guardarlo bene, stupisce.

Il Galanthus Nivalis, conosciuta anche come Bucaneve, è tenacemente resistente, facilmente adattabile, nato per affrontare il clima freddo.




Non a caso il figlio dell’inverno, la stagione delle nevi, in cui fiorisce copiosamente.

Suo merito, oltre a decorare giardini e terrazzi, è quello di regalare alla stagione più rigida infiorescenze bianche che sanno di candore.




Questa pianta ha una storia secolare e un mucchio di curiosità che porta con sè.

Nella tradizione popolare è chiamata Fior di neve, Galantino, Stella del mattino o Lacrima bianca, ma il nome scientifico deriva dal greco: Galanthus = lattefiore e Nivalis = di neve.




Anticamente questi fiori erano usati nelle festività del 2 febbraio, la Candelora, in cui la Chiesa cattolica festeggia la Presentazione di Gesù al Tempio, il giorno in cui le donne che avevano partorito potevano tornare a esser considerate pure.

La festa era anche detta della Purificazione di Maria.




Amata dalle spose, La Stella del Mattino è consigliata nei bouquet delle nozze d’inverno.

Una leggenda vuole che Adamo ed Eva, una volta cacciati dal Paradiso Terrestre, fossero trasportati in un luogo gelido, buio e dove era sempre inverno.




Eva, presa dallo sconforto, non accettava l’idea di vivere in quelle condizioni e allora un angelo, mosso a compassione, prese un pugno di fiocchi di neve, ci soffiò sopra e ordinò che si trasformassero in boccioli.

Eva, alla vista dei Bucaneve, prese forza e si rianimò.




Ecco perchè queste bulbose sono simbolo di vita e speranza e, secondo la tradizione, basta raccoglierne nella prima notte di luna, dopo la fine di gennaio, per essere felici tutto l’anno.

Un proverbio sostiene che “una primavera senza bucaneve, è un’estate senza frutti”.




Pertanto, buon Bucaneve a tutti!!!










25 commenti:

  1. Che post dolcissimo!

    Grazie, cara...
    ...adoro questo miracolo di fiorellino ^_^ !!!

    M@ddy

    RispondiElimina
  2. Ciao Paola, un post di una delicatezza unica
    Grazie per tutte queste interessanti notizie e buon bucaneve anche a te!
    Baci

    RispondiElimina
  3. Paolettina cara, certo con il freddo che fa in questi giorni della merla...andare in cerca di bucaneve la vedo molto dura.. Però , rischiando una broncopolmonite, farò il possibile per raccoglierne almeno uno... ciao amoretto!!! Buona settimamna!

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto la definizione "Stella del mattino", un fiore che racconta, si racconta ed è bello, puro, da guardare..
    Grazie bella Paoletta di questo magnifico post, un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  5. Paoletta interessante storia su questo post, mi fa piacere rivedere che ci sei. Un bacione ciao Angelo.

    RispondiElimina
  6. E' una bella favola, nella sua delicatezza.
    Ma l'angelo sensibile avrà avuto una promozione o sarà finito all'inferno per mancato rispetto delle consegne?

    (Comunque la più bella favola rimane il tuo blog; ogni volta che ci passo mi ci scialo per minuti interi, mi riempio gli occhi, poi passo ad altro).
    Bacio, con brillantini.

    RispondiElimina
  7. Bel post,poetico ed interessante.Buona serata dal Friuli.

    RispondiElimina
  8. Ciao carissima!!!
    Bellissima questa storia...
    Molto dolce... e la ritengo veritiera.
    E' un fiore molto delicato.
    Allora stasera...quando esce la luna...esco...e la vado a cercare.
    Chissà,se sarò fortunata tutto l'anno!!!
    Buon inizio di settimana.
    Un abbraccio forte forte ed una
    carezza a Te & Co.

    RispondiElimina
  9. E' un fiore delicato che mi piace moltissimo.
    Lieta giornata, Paola.

    RispondiElimina
  10. Fra leggende e proverbi, su tutti emerge il desiderio di buono...di felicità a cui tutti aneliamo nel divenire, nel magico Giardino che è il nostro vivere...
    magico, perchè ricco di sorprendenti istanti di felicità..
    grazie Paola..
    sereno divenire in Gioie Condivise..
    un Sorriso..
    dandelìon

    RispondiElimina
  11. Ho riletto, fuori nevica, ma ormai è in tutto il nord e verso il centro:-) Un bacio.

    RispondiElimina
  12. I tuoi post sono sempre molto belli e delicati!
    Ho un piccolo premio per te sul mio blog, se ti fa piacere passare!
    Un abbraccio
    Berkana

    RispondiElimina
  13. Quante storie interessanti dietro un semolice fiore,semplice ma bello,tenace e ricco di significati:
    Grazie Paola ed una buona domenica.
    ps:ancora le barriere?

    RispondiElimina
  14. Cara Paoletta se mi riesce, oltre che fotografare il puledrino speriamo di fare un bel reportage mentre nasce... anche se mi sembra molto difficile. Ti terrò informata, ciao un bacione Angelo.

    RispondiElimina
  15. Un abbraccio, a presto, buon fin settimana, qui freddissimo!!L'importante è che stai bene.

    RispondiElimina
  16. Paoletta,
    che bello questo tuo post....mi ha ragalato una dolce nostalgia perchè mi ha fatto ricordare la nascita del mio fratellino...
    Abitavamo allora sul Carso dove la neve iniziava a settembre e finiva ad aprile inoltrato.
    Era il 29 marzo e la neve arrivata con la bora, aveva coperto tutto... mio fratello maggiore che aveva quasi nove anni mi disse:
    "La mamma ci ha regalato un fratellino e noi dobbiamo farle un regalo. Ho visto vicino ad una roccetta i bucaneve, vuoi venire con me a prenderli?"
    Uscimmo..la neve ci copriva le gambe, ma con fatica arrivammo dove c'erano i bucaneve.
    Ricordo sempre quei fiori bianchi, circondati da un pochino di verde, protetti dalla roccettina.
    Da allora non ne ho mai più visti se non in foto.
    Grazie Paoletta per questo bel post.
    Ti abbraccio stritolandoti d'affetto
    Bruna

    RispondiElimina
  17. ciao dolcissima Paola!!!
    buongiorno freddo dalla tua neo mamma preferita ...
    la parola bucaneve per me richiama sempre prima i biscotti non i fiori... lo sai sono sempre la solita golosa ;-)
    un abbraccio virtuale

    RispondiElimina
  18. Grazie Paola sei sempre GRANDE, in tutto
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  19. ciao Paola
    ti lascio un freddo abbraccio ... freddo solo perché fuori è tutto gelatooooooooooo

    RispondiElimina
  20. Un caro saluto Paoletta.

    RispondiElimina
  21. Complimenti per la spiegazione e la dolcezza dentro le tue parole

    RispondiElimina
  22. ciao Paola sono passata per lasciarti un caldo abbraccio in previsione della bufera che sta per arrivare
    baci

    RispondiElimina
  23. Ciao piccola Paola, un abbraccio, ho riletto ancora questo tuo magnifico post e credimi.è veramente dolce, come te.

    RispondiElimina
  24. Apparentemente delicato, è uno tra i fiori più forti che si possono trovare, proprio perchè "sbuca" dalla neve fredda e gelida. Ottime foto, bello e interessante il post. Ti auguro un buon inizio settimana cara Paola. A presto, Ele

    RispondiElimina
  25. ciao Paola
    il piccolo Kj ha deciso di arrivare in anticipo speriamo non corra così in tutte le tappe della sua vita... altrimenti come faremo a stargli dietro... ahahahah
    buon inizio settimana fredda, perché sembra proprio che anche questa lo sarà...

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata e verranno approvati dall'autrice del blog.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012