Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

3 giugno 2014

La creazione









In un tempo molto, molto lontano, un tempo così antico che anche le rocce più vecchie non ne conservano traccia, il Creatore di tutte le cose convocò presso di sé le diverse categorie di spiriti che aveva deciso di destinare alla Terra.


Ad ognuna chiese di formulare il più grande dei suoi desideri, al fine di procedere ad un’equa ripartizione delle specie.

Un buon miliardo di stelle nacquero e morirono mentre i diversi clan ponderavano con cura la delicata questione.



Infine ciascuno espresse la propria aspirazione dando libero sfogo ad ambizioni e sogni.

“Vogliamo l’onnipresenza e l’invisibilità” dissero i primi.


Nacquero così batteri, virus e microbi.




“Noi desideriamo la fortuna!”

E presero forma le ostriche perlifere.



“Noi vogliamo soggiogare il mondo”.

Il Creatore allora generò i vermi e tutta la brulicante popolazione sotterranea alle quale le altre specie, inesorabilmente,avrebbero finito per il consegnare le proprie spoglie.




“Noi chiediamo soltanto la virtù della pazienza.”

E vide la luce il ragno.


Taluni vollero l’eloquenza e furono trasformati in pappagalli.


Altri, l’alta finanza, e il Creatore, riempì gli oceani di pescecani.


Altri ancora avevano una fortissima inclinazione alla convivenza sociale, lo pregarono di accordare loro la perfetta uguaglianza.

Furono pecore.



Certuni chiesero il talento di misurare con precisione vaste distese e ampi territori.

Il Creatore li fece cammelli le cui gobbe non sono altro che l’emblema del loro innato bernoccolo per le scienze esatte che permette loro di attraversare gli immensi deserti terrestri senza mai smarrirsi.




Altre richieste erano venate di poesia.

“Desideriamo diffondere la voce del vento ed imparare l’alfabeto dei fiori.”

E le farfalle colorarono i cieli.



“Noi saremo gli eterni amanti della Luna, a lei soltanto intoneremo i nostri canti sconsolati.”

Il Creatore generò i lupi.




Taluni spiriti originali e senza dubbio un po’ pazzi affermarono:

“Noi vogliamo essere ammirati da tutti.”


Dio creò i pavoni.



Alcuni spiriti particolarmente rumorosi e inquieti si alzarono in piedi per pretendere con tono altezzoso un quoziente intellettuale eccezionalmente brillante e superiore agli altri.


Malgrado l’arroganza di una simile richiesta, il Creatore si strofinò il suo unico immenso occhio e creò gli uomini.




Rimaneva, un po’ in disparte, un piccolo clan di spiriti, stranamente silenziosi che osservavano la scena con un certo divertimento.

“E voi,che cosa desiderate? Parlate senza timore.”


La risposta giunse tra un mormorio soffuso.

“La saggezza, o nostro Signore.”


Fu così che apparvero i… gatti!”





1 commento:

  1. Bellissimo racconto, a tutti è dato qualcosa, e qualcosa viene meno... ciao Paola e buona settimana, Angelo.

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata e verranno approvati dall'autrice del blog.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012