Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

25 maggio 2011

Sempre... Spesso... Raramente...









Con il partner vi sentite liberi di esprimere voi stessi?

In una relazione c’è chi riesce sempre a rivelare la propria personalità... i propri desideri e le proprie emozioni...

E voi lo fate spesso o qualche volta?




Leggendo una rivista mi sono “scontrata” con un test...

e visto che è molto tempo che non ne pubblico...

Ecco qui...

rispondendo a queste 7 domandine lo scoprite se riuscite a manifestare il vostro carattere e le vostre esigenze... al vostro compagno o compagna...




Per capirlo basta conteggiare il numero maggiore delle risposte contrassegnate dalle lettere...




Iniziamo il test...


1 - Il migliore amico del vostro partner chiede un consiglio a voi e non a lui. Come vi comportate?


A) Ne parlate con il partner per comprendere meglio il motivo che può avere spinto l’amico a rivolgersi a voi.

B) Siete felici di poter fare qualcosa per qualcuno.

C) Non dite nulla al partner poiché forse non ha piacere che il suo amico si sia rivolto a voi.


2 - Avete deluso le aspettative del vostro partner: che cosa vi infastidisce particolarmente?

A) Dovere ristabilire di nuovo un clima di fiducia e di dialogo.

B) Dovervi dare da fare per riconquistare la fiducia del partner.

C) Pensare che il partner potrebbe non fidarsi più di voi.


3 – Quale tipo di “sostegno” preferite dal partner?

A) Parole di riconoscimento riguardanti ogni aspetto della vostra relazione.

B) Suggerimenti e consigli su decisioni importanti.

C) Il tipo di sostegno che il partner ritiene sia più opportuno darvi.


4 – Immaginate di fare parte di una squadra sportiva: quale ritenete che sia il ruolo più adatto a voi?

A) Adorate fare il capo della squadra oppure anche l’allenatore.

B) Quello che vi assegna il caposquadra, che sicuramente sa giudicare le vostre potenzialità.

C) Un ruolo in cui siete liberi di agire senza dipendere dai compagni di squadra.


5 – Avete avuto una discussione con il vostro partner. Come vi comportate?

A) Parlate con il partner per capire le ragioni delle vostre divergenze.

B) Per evitare altri scontri cercate una mediazione.

C) Aspettate che le cose si sistemino da sole.


6 – Avete appena visto un film, che a voi è piaciuto molto, mentre il partner si è “annoiato”. A cena lo commentate: come vi comportate?

A) Dimostrate al partner che forse non ha colto gli aspetti davvero interessanti dell’opera del regista.

B) Vi sforzate di ascoltare attentamente e di capire le ragioni per cui il partner ritiene che il film fosse noioso.

C) Vi sforzate di non contraddire il partner e dire che forse non era poi un film così interessante.


7 – Secondo voi, quale aspetto in una donna sottolinea meglio la sua femminilità?

A) Dimostrare di avere personalità e carattere.

B) Esprimere la propria sensualità.

C) Essere misteriosa.




A questo punto ecco le soluzioni del vostro test...

ricordatevi la lettera con la quale è risultata la maggior prevalenza...

Con il partner vi sentite liberi di esprimere voi stessi?





In amore riuscite sempre a esprimere liberamente voi stessi poiché con il partner avete instaurato un rapporto complice e sincero.

Siete persone molto determinate e sicure di voi stesse e nella vostra coppia regnano la spontaneità, la comunicazione e il rispetto reciproco.

Vi piace condividere tutto con il partner e volete sempre renderlo partecipe dei vostri pensieri e dei vostri desideri, l’intimità è appagante e priva di ogni competizione con il partner.

Fate attenzione, però, e sforzatevi di mantenere anche un po’ di mistero per rendere la vostra intesa ancora più intrigante.





Riuscite spesso, ma non sempre, a essere voi stessi con il partner grazie al vostro carattere “diplomatico”.

Siete molto razionali e infatti riuscite a cogliere quando è il momento giusto per rivelare al partner i vostri desideri e le vostre aspettative e quando, invece, è meglio rimandare.

Grazie al vostro equilibrio e alla vostra pacatezza riuscite quasi sempre a trovare il giusto mix tra quello che desiderate e quello che potete ottenere dalla coppia.

Fate attenzione, però, a volte troppa “perfezione” rischia anche di essere un po’ noiosa.

Sforzatevi di non “calcolare” tutto per mantenere un equilibrio ma esternate i vostri desideri con spontaneità e naturalezza.





Raramente riuscite a esprimere voi stessi, la vostra personalità e i vostri desideri al partner.

Avete un carattere molto riservato e questo vi impedisce di essere spontanei poiché avete paura di urtare la sensibilità del partner.

Questa vostra timidezza tende, però, a farvi apparire un po’ freddi e distaccati.

Sforzatevi, perciò, di essere più sicuri di voi stessi e imparate che dialogare può essere molto costruttivo per la coppia.

Il partner ha bisogno di sapere quello che desiderate e quello che sentite ed è solo grazie alla comunicazione sincera e spontanea che potrete arricchire la vostra coppia e rendere la vostra intesa più appagante.












21 maggio 2011

Gocce di mirra













Dolcezza

assaporo da te

Miele e latte

mi versi

nel tuo boccale traboccante.


La tua pelle

sá di vino speziato...

succo di melograno

assaggio dalla tua bocca.


Il tuo respiro aromatico...

la tua voce tremante

sulla mia pelle.


Sotto il vestito

profumo di cedro

e foglie di cipresso

un fruscio ritmato

umide labbra morbide

succose annegano

in gocce di mirra.


La nostra sete

nella voglia

dell'uno...

dell'altra.








(dal web)







16 maggio 2011

Tecnologie a “manovella”












I cavatappi del secolo scorso erano a vite.

Aprire una bottiglia era compito del capofamiglia, e comunque di un uomo, dato che la torsione del cavatappi e la successiva manovra di estrazione chiedevano la rude forza maschile.



Le donne di casa guardavano con meraviglia e ammirazione l’abilità da sommelier con cui il marito si contorceva intorno al tappo di sughero, e se il contenuto della bottiglia era spumante o vino frizzante, tutta la famiglia arretrava, aspettando lo scoppio del tappo che volava via come un razzo.



Piccole tecnologie del ‘900, antenate di quelle del Duemila, che tenerezza!

Per aprire le scatole di latta c’era un apriscatole un po’ rudimentale, una specie di uncino che andava inserito nella lamiera della scatola con una poderosa manata.

Non si riusciva al primo colpo, e il povero palmo della mano subiva varie vessazioni prima che il maledetto uncino si aprisse un varco nella lamierina.



Non tutti gli strumenti erano così difficili: in bagno, per esempio, bastava tirare la catena, mentre per accendere la luce bastava ruotare una levetta che veniva fuori dall’interruttore.

Per accendere l’abat jour si tirava una romantica catenella, e per spegnere la luce in camera da letto bisognava allungare la mano sopra la spalliera del letto per trovare la “peretta”, una specie di piccolo dirigibile di galalite marrone che pendeva appeso ad un filo.



I fili elettrici avevano una corposità diversa da quelli di oggi: erano più spessi e qualche volta foderati con un cordoncino di seta lucida che li faceva sembrare d’oro e d’argento.

La radio aveva delle magnifiche manopole, grosse e tonde come tortine alla crema e cioccolato, e bastava girarle per sentire voci lontane da tutto il mondo.



Quando arrivarono i primi apparecchi televisivi le manopole resistevano ancora, anche se non c’era da cambiare canale, ma solo da accendere e spegnere la Tv.

In famiglia cominciavano a serpeggiare termini vagamente tecnologici, come “valvole” o “tubi catodici”, ma se il televisore cominciava a fare le bizze nessuno aveva il coraggio di metterci le mani, e si chiamava sospirando il tecnico, sperando che il guasto non fosse troppo costoso.



Con il boom economico arrivarono gli elettrodomestici, ma la tecnologia era ancora abbastanza elementare.

La lavatrice era spesso dotata di un doppio rullo di gommapiuma che andava fatto girare a manovella, inserendo uno ad uno i panni dopo il lavaggio per strizzarli a dovere prima di stenderli: quell’attrezzo era il nonno della centrifuga...



I primi frullatori erano enormi, di metallo cromato lucido come quello delle Cadillac, e bisognava tenerli fermi con le mani quando si accendevano con un boato da Formula Uno.

Anche i ventilatori emettevano un rumore assordante, e incutevano un certo rispetto anche i primi asciugacapelli, tenuti dalle signore con mani tremebonde...



che vibravano e muggivano come uno shuttle in partenza per la luna.








10 maggio 2011

Come la Mantide Religiosa










In questo ultimo periodo di festività...

che ho trascorso in campagna

insieme alle persone a me più care...

non ho potuto distogliere l’occhio

da quanto la natura mi ha regalato...




Ed ecco cosa emerge

dopo alcune informazioni su tale insetto...

per la nascita di questo post...

considerazioni che vestono “ad hoc”

alcune persone...




Sà camuffarsi facilmente...

dove aspetta immobile la sua preda...

per difendersi da attacchi

di eventuali antagonisti...

come la mantide religiosa

apre di scatto le proprie ali

per sembrare più grande...




La profetessa popolare

che porta il malocchio

che preannuncia carestia

e la sua sinistra ombra...

disgrazia...




Aristarco riteneva che la mantide religiosa

è responsabile di mala sorte

e il suo sguardo porta male

a chi ne viene fissato...


Lei che con la sua postura...

le sue zampe sollevate

fanno pensare a mani giunte...

sembra essere quella della preghiera...




E invece...

come la mantide è raffrontabile

alla "vergine velenosa"

dopo essersi accoppiata...

o anche durante l'atto...

inghiotte il maschio partendo dalla testa

mentre gli organi genitali

proseguono nell'accoppiamento...




Violenta...

crudele...

che persegue il suo scopo...

quello di utilizzare il maschio...

così donna divoratrice

uccide gli uomini con la sua arma...




La gelosia e il desiderio di distruggere

diventono motivi conduttori

di questo tipo di donna

che ama relazioni sensazionali

in sè e per sé...

attratta da situazioni triangolari...

che le permettono

di far naufragare qualsiasi rapporto...




Si tratta di una personalità femminile

particolarmente inconscia...

immediata e cieca nel suo modo di agire...




Ma qual è la sua finalità?

Il potere egoico...












7 maggio 2011

Festa della mamma 2011











Mothers Day Comments, Graphics for Facebook, MySpace



Ti guardo...

gli anni passano...

vedo il tuo rallentare nei movimenti

la difficoltà nel camminare...




tu che hai dedicato la vita

al babbo e ai figli...

tu che sei stata

e continui ad essere la nostra forza...

tu che con orgoglio manifesti i tuoi gesti...




tu che in qualsiasi momento

sei sempre presente...

tu che mi hai insegnato

ad essere umile

e a sorridere al mondo...

e per tutto questo

esiste solo una parola...




Grazie mamy dolcissima

ora sono io che ti porgo

il sostegno necessario

per sorridere alla vita...

e il braccio per continuare a camminare...

insieme!!!




Questo è...




Tanti cari auguri mamy!!!








In genere i fiori che si regalano

per la Festa della Mamma sono le rose...

ma leggendo qua e là ho scoperto che...

nel linguaggio dei fiori...

il fiore che simboleggia l'amore materno

è la Potentilla...




E’ una pianta erbacea medicinale

simile alla fragola...


Cresce sui monti

ed in Italia è molto diffusa...


Ha fiori bianchi...

gialli o rossi...

molto decorativi...




Questa stupenda pianta

è simbolo di protezione

e di amore materno...

in quanto sembra che le foglie...

durante i temporali...

riescano a piegarsi in avanti

per proteggere i fiori più delicati...





Concludo lasciando il mio augurio

a tutte le mamme del mondo!!!






Mothers Day Comments, Graphics for Facebook, MySpace





4 maggio 2011

Deja vu













La sensazione di aver già vissuto

precedentemente

un avvenimento o una situazione

stranezza...

misteriosità...

soprannaturalità...










Deja Vu

(Inna)



No no no no no no fire,no fire
I,I wanna feel the music higher
And touch the sky
No,no no no you drive me crazy,
You crazy boy
I wanna live with you
A deja-vu

I don't wanna lie
I feeling so bloom
So take me away,
So take me with you.

Hey,mistery girl
I'm falling for you
I'm living tonight
The last deja-vu.(Come on)

No no no no no no fire,no fire
I,I wanna feel the music higher
And touch the sky
No,no no no you drive me crazy,
You crazy boy
I wanna live with you
A deja-vu

La la la la la la (x8)

I don't wanna lie
I feeling so bloom
So take me away,
So take me with you.

Hey,mistery girl
I'm falling for you
I'm living tonight
The last deja-vu.(Come on)

No no no no no no fire,no fire
I,I wanna feel the music higher
And touch the sky
No,no no no you drive me crazy,
You crazy boy
I wanna live with you
A deja-vu

La la la la la la (x8)

(x2)
No no no no no no fire,no fire
I,I wanna feel the music higher
And touch the sky
No,no no no you drive me crazy,
You crazy boy
I wanna live wïth you
A deja-vu












1 maggio 2011

Beatificazione Papa Giovanni Paolo II









Non servono molte parole per ricordare il

“Papa Buono”




A sei anni dalla scomparsa...

oggi le celebrazioni per la beatificazione

di Giovanni Paolo II...




È stata una lunga notte santa

per i fedeli

una grande veglia

senza smettere di pregare

e cantare inni di gioia

per il Papa polacco...



Le spoglie di Papa Wojtyla

saranno esposte per la venerazione

nella Basilica di San Pietro

e lì vi rimarranno fino

all'esaurimento del flusso dei fedeli...

giunti da tutto il mondo

per rendere omaggio

al Papa più amato del secolo...











Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012