Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

25 febbraio 2011

Kabuki











La danza giapponese è un intrattenimento tradizionale in Giappone.

Infatti il kabuki, indica una forma di danza giapponese, il teatro no e il kyogen sono classificati nell'intrattenimento classico della tradizione giapponese.

La parola kabuki è formata da tre ideogrammi e il suo significato è: ka (canto) bu (danza) ki (abilità)...





Ma la danza giapponese non si classifica solo di questo… implica non solo le danze classiche ma anche le danze nuove... kabuki-danza, la Kamigata-danza e la neodanza.

La danzatrice più famosa di questo ballo si chiama Izumono Okuni.


Fu lei che nel 1603 danzò a Shijyo Kawaramachi, a Kyoto, luogo successivamente scelto per la costruzione del primo teatro kabuki della città.

Inizialmente era basato principalmente sul ballo, poi successivamente venne arricchito di trama e storia fino a trasformarsi in vero e proprio teatro.


Tutt'ora la danza è un elemento importantissimo nel kabuki e gli attori studiano molto a fondo il Nihon Buyo, perchè molte scene sono singolarmente espresse con atti di ballo tradizionale.


Questo ballo è un'arte nata dal popolo.

Ci sono moltissime interpretazioni sull'origine e la più convincente è quella che fa risalire la sua nascita ad un gruppo di sacerdotesse che circa 400 anni fa cominciò a praticare il ballo chiamato Nenbutsu-Odori per vendere gli amuleti ed attirare il pubblico...


Comunque la danza Nihon Buyo è accompagnata dal suono dello shamisen e canti tipici giapponesi che attraverso le sue movenze narra storie e brevi racconti legati alla vita quotidiana o ai lieti momenti di contemplazione della natura.


Le sue movenze sono molto contenute e la bellezza del ballo è espressa attraverso la semplicità e l' eleganza essenziale.

Esistono ovviamente molte scuole e stili di questa danza ma per facilitare le cose forse è più semplice ricordare agli occidentali che questa è la danza che eseguono anche le geisha (a Kyoto le geiko e le maiko).




Ma ora guardiamo di cosa si tratta...













21 febbraio 2011

Soffio di nuvola












Sento nell’aria

un dolce sussurro...

una melodia deliziosa

portata dal vento...





che mi avvolge

nel silenzio

dove mi nascondo...


dove sorge

quel soffio di nuvola...

che lentamente s’insinua

nel tuo corpo...


e facendomi strada

tra le ombre scure...

sfioro la tua anima...


posandomi nel tuo cuore

come una brezza

impalpabile e sensuale...


come una fiamma

che divampa nell'oscurità...


ed inseguo

i battiti del cuore...

il pulsare del sangue


assaporando

l’ebbrezza sublime


di un bacio impetuoso...









17 febbraio 2011

Alfabeto degli Egizi










L'alfabeto egiziano riserva delle sorprese, ed è basato molto sulla memorizzazione.

Forse nessuna forma di scrittura è esteticamente rilevante quanto quella inventata dagli Egiziani.





Disposti in lunghe file elegantissimi disegni di uomini animali e cose vengono esaltati dalla luce del sole sulle pietre dorate e sul duro granito dei monumenti del Nilo, catturando l’immaginazione.


Infatti la scrittura egiziana è “ideografica” composta da oltre 700 figure e segni... i “geroglifici”.

Ogni segno non è né una lettera né una parola, ma un suono o un concetto.


Per esprimere semplicemente dei suoni gli Egiziani avevano dei “fonogrammi”.

Si usavano le stesse figure utilizzate per rappresentare oggetti o cose, interpretandole tuttavia soltanto per il loro suono.


Ogni ideogramma può quindi significare ciò che rappresenta oppure la cosa che è rappresentata dal suono che evoca.

Qui riporto ventisei segni e sotto ogni segno è riportato il nome convenzionale dell'immagine e, la sua pronuncia, sebbene questa non corrisponda esattamente a quella italiana.


Per esempio...

la W del pulcino va letta "all'inglese" come una U

la C di avambraccio è un suono a metà fra la H aspirata e la A

la H di cortile va pronunciata aspirata

la H di filo ritorto è una H faringale

la H della cesta assomiglia al tedesco "ich"

la S di chiavistello è dolce come in "isotopo"

la S di stoffa è aspra come il "sole"

la S di lago si pronuncia come la Sc di "sci"

la Q di colle è una C dura, come in "carne"

la K di cesta è una C aspirata "alla toscana"

la T di pastoie si pronuncia con un suono a metà fra la T e la C

la D di cobra sta fra la D e la G "gente"


La scrittura Egiziana è quindi composta di segni bivalenti e non può essere decifrata senza comprendere quali segni vanno interpretati come suoni, quali per il loro palese significato e quali per il concetto o l’idea che esprimono.


E concludo con questa chicca...


vi mostro il mio nome scritto in egiziano

è semplice digitate nella tastiera il vostro nome...

e voilàààààààà!!!


Siete curiosi anche voi?

Questo è il link...




http://www.discoveringegypt.com/e-name.htm




Ciaoooooooooooooooo!!!









15 febbraio 2011

San Faustino 2011










Dopo ieri la festa degli innamorati San Valentino...

oggi si festeggia...





San Faustino festa dei single...

Ma perchè è stato scelto come protettore dei single?

Semplicemente per il suo nome che indica qualcosa di propizio, quindi un augurio a trovare l’anima gemella!!!


Ma vediamo come nasce questa festività...

San Faustino di origini bresciane apparteneva ad una nobile famiglia pagana appunto di Brescia... entrò nell’ordine equestre e ne divenne cavaliere.


Dopo i numerosi colloqui con il vescovo Sant’Apollonio fu attratto dal Cristianesimo al quale si convertì ottenendo il sacramento del Battesimo.

Da questo momento in poi la sua missione fu quella di evangelizzare tutte le terre del bresciano.


Non mancarono le persecuzioni da parte delle potenti famiglie di Brescia con il sostegno dell’imperatore Adriano che dà l’autorizzazione a decapitarlo nel caso in cui San Faustino si fosse rifiutato di abiurare.

Ma proprio l’imperatore… che di ritorno dalla campagna militare condotta nelle Gallie, passando per Brescia chiese a Faustino un sacrificio per il dio Sole.


Il Santo si rifiutò e danneggiò la statua del dio.

A questo punto l’imperatore ordina che sia dato in pasto alle belve del circo, le quali però si sedettero ai suoi piedi.


Questo non fece altro che aumentare la rabbia dell’imperatore che ordinò di bruciarlo vivo, ma anche in questo caso le fiamme non lo investirono.

Portato prima a Roma e poi a Napoli, dove viene abbandonato su una barchetta ma sfuggito alla morte sempre con eventi prodigiosi, Faustino fu infine decapitato il 15 febbraio.


Il 15 febbraio dunque si festeggia questo Santo non solo dal punto di vista religioso... e tutti i single d’Italia partecipano a feste organizzate in suo onore al quale non mancano mai di rivolgersi con preghiere e voti...




Buon San Faustino a tutti!!!







13 febbraio 2011

San Valentino 2011
















Vorrei scrivere una lettera d’amore

ad una persona

che mi fa battere il cuore

usando carta e penna...


il foglio e l’inchiostro

saranno una parte di me...

come la grafia...

come l’odore stesso della lettera...


ma non saprei cosa scrivere...

potrei scrivere tante parole...

metterle una accanto all’altra...

come infilare le sue perle ad una collana...


Potrei dire che l’uomo

dei miei sogni esiste veramente...

che con un sorriso

può cambiare la mia giornata...


che ammiro la sua naturale capacità

di conquistare gli altri

attraverso la bellezza interiore

che riesce a comunicare...

che la sua voce è calda...

e sembra studiata

per adattarsi alla mia immagine...


Ma...

in realtà...

amo le sue parole...

il modo in cui mi guarda...

la dolcezza che esprime quando mi dice...


potrei descrivere

come lo vedono i miei occhi...

potrei amare in silenzio

perche il silenzio

vale più di mille parole...


ma devo far tuonare i miei sentimenti...

perche questo amore

va gridato

e come un eco

si espande all’infinito...


Ecco perché concludo con questi versi...


Ascolta... soffice... in un soffio...

la voce di chi ti ama fluttuerà nella notte...

e nel tuo sonno...

i nostri pensieri si congiungeranno.


(Edgar Alan Poe)



Buon San Valentino amore mio!!!


E buon San Valentino a tutti gli innamorati








9 febbraio 2011

2° Traguardo












Altro traguardo importante per...

Polvere di Stelle

raggiunge le 200.300 visite

con 297.800 pagine viste...




Photobucket


Con affetto guardo questo nuovo traguardo...

pensando che certamente

di queste 200.300 visite

sono state di persone a me care...

passate magari per un saluto...

o anche solo per curiosità...





Un’altra parte è stata di chi...

scoprendo il blog...

l’ha apprezzato ed è tornato a leggerlo

con una certa frequenza...





Altre ancora sono state persone

che magari sono passate

solo saltuariamente

o per un breve periodo...

forse una sola volta...





Certamente c’è anche chi

è passato nella mia dimora

ed ha solo letto...

altre hanno lasciato la loro traccia...

anche via e-mail...





Ricordo anche persone che

hanno provato a...

turbare la quiete del blog...


Presto o tardi figure

come queste capitano nei

"luoghi frequentati"

inutile prendersela...





E ci sono certamente stati

anche tanti che il blog

non l’hanno apprezzato

e non sono più tornati...


Beh...

giusto ricordarli...

in fondo ne hanno fatto parte anche loro...

pure se solo per un istante...





Comunque sia anch’io

voglio lasciare un segno indelebile

nelle anime di tutti coloro

che navigano in questo mondo

fatto di pensieri...

poesia...

emozioni...

e lo faccio protendendo le braccia

a chiunque passi di qua e legga queste righe...





Ma anche a tutti coloro

che ormai non lo fanno più...

non credendo che la virtualità

sia estranea alla realtà...


Un abbraccio di cuore a ognuno di voi...

con il mio delicato ma intenso soffio di bacio!!!





Grazie!!!











Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012