Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

30 novembre 2008

Pensiero presente










Ho visto la tua anima...
l'ho toccata con la mia ed e' vibrato tutto...
sei una persona speciale
amore mio.....

I pensieri viaggiano soli nella mia testa,
mi abbandono a loro...

Sei pensiero presente,
forte,
angosciante...
la tua assenza parla...


Mi allungo...
ti penso
ti immagino li' con me...
io e te...
in silenzio ...
il nostro silenzio...

Vorrei averti qui
sul mio corpo,
tra le mie mani
lì' per me…

solo per me...
immagino il buio...
la mia voglia di te...
Vorrei giocare con te
con la mia lingua su di te
lobo, orecchio, collo
addome, ventre
scendere e salire...
e ancora.....
ancora...


Vorrei un letto bianco che mi accogliesse,
una luce morbida,
vorrei abbandonarmi a me stessa,
abbandonare tutto...
insicurezze
paure...
fragilita'...


vorrei annullare la mia mente,
ed essere solo carne,
carne e sensi,
ascoltare il corpo,
parlare, respirare, muovermi,
allungarmi, distendermi,
chiudendo gli occhi e pensando a te...
a te che mi guardi.....


che ti cerco,
desidero ascoltare la mia pelle,
vivere attimi...
attimi di silenzio intorno,
intorno a me.....

Solo un lettone e lenzuola bianche...


pelle, odori,
carezze, sapori,
interminabili carezze

per sempre
un instante infinito.....










28 novembre 2008

Bolla








Anche una bellissima bolla di sapone
ha bisogno del tuo respiro.




Senza non potrebbe vivere...

non ti aspettare che duri a lungo...

amala!!!


Puoi averne altre...

ma devi soffiare!!!


I tuoi sogni hanno bisogno di te
per essere veri.











27 novembre 2008

Silenzio








Sssssst … silenzio



Sssssst … silenzio

ch’io possa udire

i battiti dei nostri cuori all’unisono

quali richiami

di tamburi in lontananza.

Sssssst … silenzio

ch’io possa ascoltare

i nostri respiri affannosi

quale frangersi

d’onde sugli scogli.

Sssssst … silenzio

ch’io possa percepire

il fruscio dei nostri abiti

lentamente sfilati

quale alito di vento.


E dopo saranno parole d’amore

dolci languide

che ricadranno sui nostri corpi

quali stille d’amore e sudore.

Sssssst ... silenzio






26 novembre 2008

Vuoto








Ci sono molte persone che caratterialmente si creano dei nemici…

ed ora parlo a te.
E’ il vuoto ciò che hai creato intorno a te.
E’ il vuoto con cui hai avvolto le tue emozioni e tutto intorno hai delineato i confini con del filo spinato…


ormai troppo alto per essere superato.
E’ il vuoto ciò che hai creato per sentirti al sicuro da quello che c’e’ al di là.
E’ il vuoto ciò che hai creato a cui non sai più rinunciare.
E’ il vuoto ciò che sfuggi per rivivere emozioni ormai sopite in lontani ricordi.
Non esiste tristezza.
Solo assenza.


E vuoti.








25 novembre 2008

Vivere






Qualche giorno fa il cielo era di un azzurro meraviglioso i raggi del sole scaldavano la mia pelle...

Sono stata li...

davanti al mare, brillava ai miei occhi.

Osservavo, pensavo...

mi sono posta domande...


Il mio cuore era in fibrillazione...

non avevo quella tranquillità che in verità mi circonda.

In questi giorni quante emozioni mi hanno attraversato l'anima, eppure sento che qualcosa non va, parte da dentro, non so spiegare.

Viaggio con la mente...

socchiudo gli occhi...

il vento mi scompiglia i capelli e accarezza il viso.

Sono in pace con me stessa, da quanto tempo non accadeva.



Allora mi chiedo, cos'è che non va?

Questa pace mi turba.

No non può essere questo...



forse il non sapere...

non sapere che sarà di me.


Forse non sono abituata a questa tranquillità, mi ero quasi dimenticata cosa volesse dire avere il cuore in volo.

Non saprei non trovo risposta...
Semplicemente mi perdo in domande che esistono solo nella mia testa...

Credo che sia arrivato il momento di non pensare ma finalmente...

VIVERE




Image du Blog patty64.centerblog.net

24 novembre 2008

Insieme





Ogni notte, immancabile, il nostro appuntamento.

Fremo;
il desiderio di averti è accecante.



In poche ore, viviamo emozioni intense e viaggiamo, senza limiti.

Abbracci intensi che esprimono tutto l’amore del mondo e sguardi capaci di divorare l’essenza pura del reciproco darsi.

Da qualche giorno, il sogno prende il posto all’incubo di un’energia che ancora non si trasforma in corpo.
Pensarti costantemente,
seguirti
e proteggerti da lontano,

respirare,

vivere,

lavorare in funzione di te,

la chiave del mio cuore.


Insieme.










23 novembre 2008

I due pulcini








C'era una volta un galletto e una gallina.

Il galletto si chiamava Chicchirichì e la gallina Coccodè.

La gallina depose un uovo d'oro dal quale uscì un pulcino d'oro, che venne chiamato Piopio.

Ma un brutto giorno un falco calò giù e si portò via la piccola Coccodè, e il pulcino d'oro rimase così senza mamma.


Il gallo, allora, portò a casa un'altra gallina che si chiamava Cocconè.


La gallina Cocconè depose un uovo dal quale uscì un pulcino nero.


Pensò e disse Cocconè:

"Dobbiamo dare a questo pulcino un lungo e bellissimo nome."

"Piú lungo e più bello sarà il suo nome, più lunga e più bella sarà la sua vita."

Il pulcino nero venne, dunque, chiamato Piopiobelpiuminonerino.

E i due crebbero insieme.










Quello d'oro doveva lavorare sempre, ma a quello nero nessuno comandava mai nulla.

Piuttosto di aver a che fare con un nome lungo come quello, tutti preferivano chiamare Piopio:

"Piopio, vammi a prendere un po' d'acqua!"

"Piopio, trova qualche verme!"

"Piopio, trova qualche bruco!"

E intanto il pulcino nero dal lungo nome se ne stava a prendere il sole senza far nulla.

Ma un giorno si introdusse nell'aia la volpe e rapì il povero Piopio.


Chicchirichì vide quel che stava accadendo e gridò:

"Una volpe ha rubato il nostro Piopio!"

Il cane, il maiale e la capra, udito il grido del gallo, si precipitarono dietro la volpe, che prese paura, lasciò cadere il pulcino d'oro e fuggì via.

Il giorno dopo la volpe tornò di nuovo e questa volta rapì il pulcino nero.

Cocconè vide quel che stava accadendo e gridò:


"Una volpe ha rubato Piopiobelpiuminonerino."

Ma prima che riuscisse a finire il nome, la volpe era lontana e si era già mangiato il povero pulcino.

E così, proprio a causa del suo nome lungo, lungo, il pulcino nero, poverello, ebbe una vita breve breve.














22 novembre 2008

Dicono







Dicono che il battito d'ali di una farfalla
abbia la forza di creare un uragano.



Dicono che prima o poi il sole si spegnerà,
e rimarremo al buio per sempre.

 


Dicono che anche se vediamo una stella brillare,
potrebbe essersi già spenta da millenni.


Dicono che una goccia d'acqua
non faccia la differenza nel mare,
ma abbia la forza di solcare la pietra.


Dicono che niente è eterno
e che i sentimenti sono per quelli deboli.


Io penso che se la mia vita si basasse
su ciò che dicono gli altri sarebbe
un'agonia perenne e senza scampo,
ed è per questo che non credo e non dico,


ma penso, osservo, vivo.









Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012