Informazioni personali

La mia foto
Beh... la premessa è... i ladri nn possono rubare l'amore... ma spesso l'amore rende ladri... Cercate di vivere la vita e goderne della sua felicità... e poi... se vi stuzzica la curiosità... seguitemi!!!

31 ottobre 2008

Halloween 2008









La vera storia di Halloween


Il popolo dei Celti, che viveva in Irlanda, alla fine di ottobre celebrava l'arrivo dell'inverno con una festa chiamata
"All Hallow even"
cioè la vigilia di tutti i Santi.


Si accendevano fuochi attorno ai quali tutti danzavano, indossando maschere per spaventare le streghe.

In ricordo di quell'antica festa, ancora oggi si festeggia Halloween la notte del 31 ottobre;



in questa notte i bambini solitamente si mascherano e bussano alle porte delle case, dicendo:
"Trick or treat"
cioè "dolcetto o scherzetto".



Chi apre la porta offre loro biscotti e caramelle.

Simbolo di Halloween sono le zucche con dentro una candela: la loro luce serve a tenere lontani gli spiriti della notte.


QUINDI ATTENZIONE!!!

NON APRITE QUESTO CANCELLO









30 ottobre 2008

Pelle e anima








Si dice che la pelle sia il confine ultimo della nostra anima...

nulla di più vero…
ne porta i segni esterni del nostro vivere…
delle ambizioni…
delle gioie…
dei timori…


Ma solo se chi ti ama o amato ha saputo
“toccarti nell’anima”
allora sono i segni dell’anima e
sono qualcosa di eternamente diverso…







29 ottobre 2008

Penso a te








Penso a te

non appena mi sveglio

l'ultimo momento

prima di dormire;

quando sto facendo

le cose più importanti;

quando voglio addolcirmi l'anima.


Penso a te

quando cerco il silenzio

per ascoltare la tua voce;

quando chiudo gli occhi

per rivedere quelli tuoi;

quando desidero la solitudine

per stare in tua compagnia.


Penso a te

quando sento un passo avvicinarsi

e spero che sia il tuo;

quando ho voglia di sognare;

quando mi coglie la tristezza

perché non ti vedrò.


Penso a te

se mi prende il bisogno

di scrivere queste parole.









28 ottobre 2008

Cenerentola




E’ la storia di una bellissima giovane che, alle seconde nozze del padre, viene privata del ruolo che le spetta nella famiglia e costretta a una vita di schiavitù domestica dalla crudele matrigna e dalle sorellastre.

Costoro la odiano al punto di chiamarla solo col nomignolo "Cenerentola"
(dalla cenere di cui la ragazza si sporca pulendo il camino).

La vita di cenerentola cambia quando giunge notizia che a corte si terrà un ballo durante il quale il principe potrebbe scegliere la sua promessa sposa.

Con l'aiuto magico di una fata, la ragazza viene vestita di un meraviglioso abito da sera e riesce a recarsi segretamente al ballo
(nonostante il divieto della matrigna).

Al ballo attira l'attenzione del principe.

Poiché l'effetto dell'incantesimo è destinato a svanire a mezzanotte, cenerentola deve fuggire di corsa al rintocco; nella fuga, perde una scarpina di cristallo.




Il principe, ormai innamorato, trova la scarpina e proclama che sposerà la ragazza capace di calzarla.

Il giorno successivo, incaricati del principe girano per il regno facendo provare la scarpina di cristallo a tutte le ragazze in età da marito, incluse le sorellastre di cenerentola.

Alla fine anche cenerentola chiese timidamente di provare la scarpina…

E quando, riuscì a calzarla, il principe la riconobbe...

e la condusse nel suo palazzo per farne una principessa.




Io...cenerentola...

Tu il mio principe…




27 ottobre 2008

Fasci di luce








Nel mio lettone...

la luna fa capolino dalla finestra...


Tra il biancore del lenzuolo,

nella penombra, filtra il suo riflesso.




E' bellissima!

Fasci di luce ovattata

attraversano il velo della tenda,

accarezzano il mio corpo nudo...

ed è magia!

E il mio pensiero ti sfiora,

uomo...

come un raggio di luna.



E la vittoria della sua luce
pian piano s’arrese alle mie palpebre.


Notte Amore mio...





26 ottobre 2008

Eh si






Ho pensato alla mia vita senza te...
Ho conosciuto per la prima volta la paura...
in quel momento la mia mente
è affogata in una voragine di pensieri...




Ho pensato al giorno ed alla notte
che si inseguono senza
potersi mai incontrare,



ho pensato al mare,
che alla riva bacia la spiaggia
senza poterla mai avere...


Ho pensato al sole e alla luna
che non si incontreranno mai,
e che fondono in loro in un'eclissi...

poi ho ripreso fiato
e la prima cosa che ho pensato
è che ti amo
e che in cinque lettere
ti ho detto la cosa
più grande del mondo!!!




25 ottobre 2008

Solitudine







Ha volte mi succede nella realtà
di soffermarmi seduta a guardare
un tramonto come questo



mi lascio andare con la mente
con emozioni e sensazioni
che mi mettono i brividi sulla pelle.


Vero mi succede anche che
mi lascio andare con il pianto



perchè è bello da vedere
ma quando si è soli a volte
fa anche male nell'anima


e ti fa sentire ancora più sola.





24 ottobre 2008

Un qualunque posto fuori o dentro di te







Un qualunque posto fuori o dentro di te
(Gatto Panceri)


Tienimi con te in una foto dove vuoi
nelle tasche dei tuoi jeans
nell'aria dei respiri tuoi
in fondo agli occhi, la notte
di giorno sempre un po' in mente
io vorrei essere per te
una presenza vigile.

Con te verrei dovunque vai
sotto la doccia se mi vuoi
come un anello al dito che
ormai fa parte un po' di te
sotto le unghie dipinte
dietro le rughe della fronte.

Io vorrei essere con te
steso in un prato, su di te
non sono mica matto
è questo il fatto
il fatto è che mi devi dare un posto
un qualunque posto
un qualunque posto fuori o dentro di te.

Se vuoi sarò li
quando ti senti un po' cosi
e quando ti addormenterai
chiudendo gli occhi mi vedrai
piano piano poi
sotto la pelle ti sarei
c'è tanto posto dentro te
e basta un angolo per me

che vorrei esserti ogni giorno
nella piega che hai nel collo
tra i capelli come un nodo
o piantato come un chiodo
alle pareti del cuore
con un martello indolore

(alle pareti del cuore).

E sentirai dentro di te
quanto appetito avrai di me
non sono mica matto
(è questo il fatto).
Il fatto è che mi devi dare un posto
un qualunque posto.

Se vuoi starò li
in una tasca dei tuoi jeans
e quando l'ora guarderai
tra le lancette mi vedrai.

Poi quando sarò
nel posto tuo più intimo
farò più dolce che si può
e un po' per sempre resterò
sulle tue labbra socchiuse
nelle tue idee un po' confuse.

lo vorrei essere per te
quasi invisibile perché
un poco mi nascondo
(in questo mondo)

ma in fondo sto chiedendo solo un posto
e lo voglio adesso ... si
un qualunque posto
fuori o dentro di te.








23 ottobre 2008

Luna








Quando la luna riflette i suoi raggi
non fa caso se vanno in un pozzo


se illuminano il mare
o se si riflettono in una pozza d'acqua.
Lei diventa ancor più bella
solo se fa da lampione al nostro amore...
ed alcune volte...


vergognandosi diventa rossa.






22 ottobre 2008

Parole









Parole che schiacciano...

Parole che strattonano la mia mente...

Parole stanche...

Parole che piegano la mia volontà...


Parole ingenue...

Parole che tremano di lacrime...
e le frasi che cerco di pronunciare...
abbracciano stretto il cuore a metà che ho dentro.


Amaro il ribrezzo che spegne la luce del fuoco accanto a cui siedo...

mentre un desiderio violento occupa la mente:

vorrei sparire nel momento in cui metterò il punto a questo pensiero...

vorrei volare nel profondo silenzio del mio buio...



E toccare il fondo per risalire ancora...





21 ottobre 2008

Malinconia






Salici mossi li spettina il vento...

Lacrima d’aria



Si potrebbero intrecciare pensieri.

Invece si annodano ricordi...

volute cerebrali ad ornamento dell’esisterein un miraggio bianco che viaggia dentro al cuore.

Una traccia di percorsi che la malinconia rincorre...
Sguardi di vento
E volti di nebbia

Fragili soffi di memoria

incisi su una lista desideri.











20 ottobre 2008

Tu sai






Oh il conforto, l'inesprimibile conforto di sentirsi sicuro con una persona: di non avere né da pensare i pensieri, né da misurare le parole, ma solo da elargirli.

Proprio come sono pula e grano insieme, sapendo che una mano fedele li prenderà e setaccerà, terrà quello che vale la pena di tenere e poi, con il fiato della gentilezza, soffierà via il resto.

(George Eliot)



Non esce una parola dai tuoi toni quest’oggi c’è solo l’atmosfera da tunnel rabbrividito al richiamo del suo ultimo sospiro tu scivoli nei ricordi sorridendo e conservi stanco il tuo smembrarti che ora posso solo immaginare.

Il suo corpo assorbito da particelle indefinibili e velenose ha lasciato in eredità il mistero del domani progettato a lasciarti filamenti dell’esser trasparente, quasi assente.

Senza parole quest’oggi anche la città è risparmiata dal suo attraversarla piano con i suoi soliti passi e scrivere una lettera a dio non solleva nessuna pena per una voce che lo ha solo sfiorato.


Chiedere aiuto a dio, no.

Al mistero che sta vivendo si.

Inafferrabile la morte con lo spillo della sofferenza che lo ha spento, non ha saputo salvarlo col miracolo della vita, di fronte al secolare contagio di progresso, inafferrabile medicina.

E’ spento e vivo.

Vicino e lontano.

Sorride e ti guarda.

Lo so che è difficile, ma devi cercare di reagire, le persone che ci vogliono bene non vogliono vederci soffrire...
fallo per questo amore grande che ti lega a lui reagisci per lui...
lo so non ti sarò stata d'aiuto, capisco cosa stai provando e ti sono vicina.





19 ottobre 2008

Per me 2008








Questa giornata la voglio dedicare a me stessa.

Lo sapete che giorno è oggi?!?

In una meravigliosa notte …


È nata la tenutaria di questo blog...
Siiiiiiii.....
avete capito bene compio gli anni…
insomma… una veneranda età
(beh non troppo però…hehehehe).
Quindi...


SOBH...
CAVOLO DOPO I 18
GLI ANNI VOLANO
CHE E' UNA MERAVIGLIA!!!



E se passate di qui
un messaggio di auguri
farà comunque ben piacere.





18 ottobre 2008

Dipende







Un pallone da Basket nelle mie mani vale 20 Euro.
Nelle mani di Michael Jordan vale circa 30 milioni di Euro.

Dipende dalle mani in cui si trova.
Una palla da baseball nelle mie mani vale 4 Euro.
Nelle mani di Mark Mc Guire vale circa 17 milioni di Euro.


Dipende dalle mani in cui si trova.
Una racchetta da Tennis nelle mie mani è praticamente inutile.
Nelle mani di Venus Williams, è la vittoria in un torneo.


Dipende dalle mani in cui si trova.
Un bastone nelle mie mani tiene lontano un animale selvatico.
Un bastone, nelle mani di Mosè divide il Mar Rosso.


Dipende dalle mani in cui si trova.
Una fionda nelle mie mani è un giocattolo per bambini.
Una fionda nelle mani di Davide è un'arma straordinaria.


Dipende dalle mani in cui si trova.
Come vedi, tutto dipende dalle mani in cui gli oggetti si trovano.
Allora, metti i tuoi ragionamenti, le tue preoccupazioni, le tue paure le tue speranze, i tuoi sogni, la tua famiglia e i tuoi rapporti con gli altri nelle mani di Dio, perché...


...dipende dalle mani in cui si trovano







17 ottobre 2008

Notte delle favole








E' nuovamente notte, la notte delle favole.
Favole di quelle che nessuno ha mai visto.
C'è polvere di stelle sopra i tetti e fa diventar tutto più magico di quello che è veramente.



È magia quello che succede quando sulle strade diventa buio e tutto tace.

E, anche, per magia c'è un buco in cielo per poter volare via e scappare in altri mondi lontani e diversi dal nostro...
E' la notte delle favole...
puoi esprimere un desiderio pure tu, se hai voglia.
Puoi partire per un'altra verità, diversa da quella che conosciamo noi tutti, diversa da quella che tutti pensano che sia giusta.
La notte delle favole sarà.
Io vorrei che i grandi fossero bambini e che chiunque creda alle favole e che a ognuno tornasse il gusto dell'ingenuità, la speranza della vita, la felicità tra le mani e il coraggio del domani.


Se hai un po' di nostalgia, questa notte non gettar via nulla, perchè potrebbe essere il momento che aspettavi, il momento di poter esprimere i tuoi desideri, di far avverare i tuoi bisogni di stare meglio o di cambiare.
L'amore è una favola e non finisce mai, guardati intorno e credici!!!


E' la notte delle favole...
dimentica di essere solo al mondo, perchè non è così, devi solo avere la forza di capire che qualcuno intorno a te c'è sempre, è solo che sta aspettando proprio te, abbi pazienza.
E' la notte delle favole...
socchiudi la finestra e guarda giù, vedrai speranze nuove incrociarsi per la strada sotto casa tua e avrai una speranza in più...
La notte delle favole…


e la mia favola sei tu!!!





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi



…E sono tua....
Come quando per gioco
mi tieni nel cerchio di fuoco,
Stringendolo lentamente
fino a rendermi meravigliosamente
tua...

E sono tua....
nell’ebbrezza dei tuoi desideri
e della tua passione....
La stessa passione che dà
un significato in più
ad ogni volta che ti dico
che ti amo...
ad ogni volta che ti dico
che ti voglio...

Visualizzazioni totali

Dal 25.03.2009

Dal 18.12.2012